Percorso formativo per operatori sanitari, volontari e assistenti spirituali

Vicino al sofferente con umanità e competenza

Da ottobre presso l'Aula Magna dell'Ospedale Maggiore di Cremona

Clicca sull'immagine per ingrandirla
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Alla base di un rapporto fiduciario tra operatore, paziente e familiari e per una umanizzazione della cura negli ambienti sanitari è richiesta sempre più una relazione intensa, calda e vera. Prendendo a prestito dall’ambito psicanalitico il concetto di “alleanza terapeutica” e grazie alla definizione che ne ha data la psicologa e psicoterapeuta Bordin possiamo individuare tre passi affinché si realizzi una relazione di cura:

 

(1) l’esplicita condivisione di obiettivi da parte di paziente e terapeuta;

(2) la chiara definizione di compiti reciproci all’inizio del trattamento;

(3) il tipo di legame affettivo che si costituisce fra i due, caratterizzato da fiducia e rispetto.

Pertanto per una relazione più efficiente, da perfezionare e sviluppare personalmente di giorno in giorno, di rapporto in rapporto, si vorrebbero offrire strumenti e obiettivi generali tra i quali: migliorare la comunicazione e la relazione trapaziente, familiari e operatore sanitario e saper gestire alcuni momenti critici nel percorso della malattia.

 

 

CALENDARIO DEGLI INCONTRI

 

Giovedì 5 ottobre 2017 (17.30-19.30)

 La questione del transfert e del controtransfert nella relazione tra paziente e operatore

 Stefano Guarinelli (psicologo clinico e docente di psicologia di Milano)

 

 Giovedì 9 novembre 2017 (17.30-19.30)

 La questione della comunicazione della verità al paziente: perché dirla, quando dirla, come dirla

 Giovanni Zaninetta (Direttore medico dell'"Hospice Domus Salutis" di Brescia)

 

Giovedì 14 dicembre 2017 (17.30-19.30)

 La questione della speranza: c'è sempre?

 Tullio Proserpio (Assistente spirituale all’Istituto nazionale dei Tumori di Milano)

 

Giovedì 18  gennaio 2018 (17.30-19.30)

 La questione del dialogo alla fine della vita

 Angelo Brusco (Direttore Centro Camilliano di Formazione di Verona)

 

Il percorso è gratuito. 

Brochure.pdf
Documento Adobe Acrobat 363.7 KB
Audio primo incontro
Guarinelli.3gp
File audio/video MP4 29.9 MB
Guarinelli ASST Cremona 05102017 present
Presentazione Microsoft Power Point 115.6 KB

A Viadana

XVII corso base AVULSS per nuovi volontari

Il percorso partirà lunedì 6 marzo alle ore 20,45

Sono aperte le iscrizioni per il nuovo corso base per volontari AVULSS della zona di Viadana.

Il corso avrà inizio lunedì 6 marzo alle 20,45 presso la sede di Viadana in via Verdi n. 6

 

 

La missione dell'AVULSS è chiaramente riportata nella "Carta del volontario" scritta da Don Giacomo Luzietti.

Il Volontario AVULSS è accanto a chi soffre, intende aiutarlo a superare i momenti di difficoltà e si offre come punto di riferimento.

L'AVULSS intende migliorare la qualità della vita di chi è in stato di sofferenza.

PIEGH. CORSO BASE 2017-1.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB

Giornata Diocesana del Malato

Giornata del malato, mons. Napolioni: «Samaritani gli uni degli altri»

L'11 febbraio, nella memoria liturgica della Beata Vergine di Lourdes, dopo la Messa nella parrocchiale di Bozzolo, il Vescovo ha visitato gli ospiti della casa di riposo e del presidio riabilitativo

Fare propria la tenerezza di Dio, sull’esempio e la garanzia di Maria, per diventare buoni samaritani gli uni degli altri, nella consapevolezza che, prima o poi, a turno, ognuno si troverà morente lungo la strada. Questo l’invito espresso dal vescovo Antonio Napolioni in occasione della celebrazione diocesana della Giornata mondiale del malato che, come ogni anno, è stata celebrata l’11 febbraio, nella memoria liturgica della Beata Vergine di Lourdes.

L’appuntamento quest’anno è stato a Bozzolo. Una scelta non casuale visto che proprio 80 anni fa, nel 1937 don Primo Mazzolari scriveva “Il Samaritano”, icona per eccellenza di chi assiste poveri e sofferenti. Un testo che, pubblicato un anno dopo per motivi di censura, sa coniugare analisi psicologica dei personaggi e rivisitazione dell’ambiente scenico: ai suoi occhi, la parabola evangelica del Samaritano è una sintesi della vita stessa. Il Samaritano diventa così storia di salvezza e ogni vicenda di redenzione si trova rappresentata in quei gesti.

(Fonte dal portale diocesano, per leggere tutto l'articolo clicca qui)

 

estratto dal Giorno del Signore 19 - 2 -
Flash Video 20.7 MB

Messaggio del S. Padre per la XXV Giornata Mondiale del Malato

l’11 febbraio prossimo sarà celebrata, in tutta la Chiesa e in modo particolare a Lourdes, la XXV Giornata Mondiale del Malato, sul tema: Stupore per quanto Dio compie: «Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente…» (Lc 1,49). Istituita dal mio predecessore san Giovanni Paolo II nel 1992, e celebrata per la prima volta proprio a Lourdes l’11 febbraio 1993, tale Giornata costituisce un’occasione di attenzione speciale alla condizione degli ammalati e, più in generale, dei sofferenti...

Leggi tutto il messaggio

Percorso formativo per operatori sanitari, volontari e assistenti spirituali

Umanizzazione del servizio al malato

Da ottobre presso l'Aula Magna dell'Ospedale Maggiore di Cremona

Continuano i percorsi di formazione, con il patrocinio dell’ospedale di Cremona e il prezioso supporto dell’Ufficio della formazione, per i volontari che si accostano ai malati, i cappellani, i religiosi/e e per tutti gli operatori sanitari, con la possibilità per questi ultimi di ricevere accrediti ECM.

 

Il tema che si affronterà, realizzato e condotto dal Centro Camilliano di Formazione di Verona,  è quello dell'umanizzazione della cura.

 

In Il tema dell’umanizzazione del servizio al malato è stato inserito per la prima volta nel Patto per la salute 2014-2016 dal Ministero della Salute e da AGENAS, l’ente per la formazione degli Operatori, dove si afferma che “nel rispetto della centralità della persona nella sua interezza fisica, psicologica e sociale, le Regioni e le Province Autonome si impegnano ad attuare interventi di umanizzazione in ambito sanitario che coinvolgano aspetti strutturali, organizzativi e relazionali dell’assistenza”.

 

Obiettivo

Il percorso formativo offre ai partecipanti l’opportunità di familiarizzarsi con la complessa tematica dell’umanizzazione del mondo della salute, di acquisire e di identificare modalità concrete di coinvolgimento in progetti finalizzati a rendere più umano il servizio all’ammalato.

 

Per iscrizioni è sufficiente compilare la broshure qui allegata e trasmetterla all'Uff. Formazione dell'Ospedale seguendo le indicazioni presenti nella stessa broshure.

Brochure_umanizzazione.pdf
Documento Adobe Acrobat 694.2 KB
Side primo incontro
Umanizzazione CR.ppt
Presentazione Microsoft Power Point 10.8 MB
Audio
brusco10.3gp
File audio/video MP4 31.9 MB

Slide secondo incontro
curare e prendersi cura cremona.ppt
Presentazione Microsoft Power Point 9.5 MB
Malaika Rabolati.m4a
File audio/video MP4 68.3 MB

Slide terzo incontro
La relazione operatore paziente.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 12.2 MB
Gostmir.m4a
File audio/video MP4 66.3 MB

slide quarto incontro
Spiritualità CR.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 9.0 MB
Brusco.m4a
File audio/video MP4 73.6 MB

Corso Base per volontari presso malati terminali

Dal curare al prendersi cura: a Sospiro un corso per volontari che si occupano di assistenza ai malati terminali

8, 15, 22 aprile e 8 maggio

“Vicino al morente. Dal curare al prendersi cura” è il titolo del corso base che prevede quattro incontri con diversi relatori che si svolgeranno presso la sala dell’oratorio di Sospiro. Il percorso si pone l’obiettivo di sviluppare nei volontari sensibilità e competenze utili per l’accompagnamento del malato, ma anche per il sostegno psicologico dei loro familiari.

Ad aprire gli incontri, venerdì 8 aprile, sarà don Maurizio Lucini, Responsabile dell’ufficio di Pastorale della Salute, che introdurrà il tema della vicinanza alla sofferenza e alla morte, rileggendo l’esperienza della malattia alla luce della fede cristiana.

Sarà poi la volta di Lino Miglioli, responsabile dei volontari dell’Hospice – struttura che da anni si occupa dell’assistenza e cure palliative al malato terminale –  che venerdì 15 aprile tratterà del rapporto con i familiari del morente, in un incontro dal titolo “Accanto al morente e ai suoi familiari: le parole da non dire”.

“La dimensione psicologica relazionale” sarà invece il tema di cui si occuperà la psicoterapeuta Arianna Lima nel terzo incontro di venerdì 22 aprile.

Infine venerdì 8 maggio don Lucini chiuderà il corso, approfondendo il tema dell’accompagnamento spirituale, per riflettere sulla questione della fede vissuta nel difficile momento del dolore fisico che spesso genera anche sofferenza spirituale.

Tutti gli incontri si svolgeranno a partire dalle ore 20.45. Il corso è gratuito ed è richiesta l’iscrizione.

Slide primo incontro
percorso Sospiro malattia morte e speran
Presentazione Microsoft Power Point 2.3 MB
Slide quarto incontro
L'accompagnamento spirituale del morente
Presentazione Microsoft Power Point 136.7 KB

Slide terzo incontro
La dimensione psico relazionale.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 11.6 MB

Scarica la locandina
corso volontari accanto malati terminali
Documento Adobe Acrobat 177.9 KB

Percorso formativo per Cappellani, volontari e operatori sanitari

LA CURA DELLA DIMENSIONE INTERIORE: UNA RISORSA NEI CASI PIÙ DIFFICILI

Da ottobre presso l'Aula Magna dell'Ospedale Maggiore di Cremona

Continua la collaborazione avviata l'anno scorso con l’ospedale e in particolare con l’Ufficio della formazione, proponendo un ciclo di incontri per: i volontari che si accostano ai malati, i cappellani, i religiosi/e e per tutti gli operatori sanitari, con la possibilità per questi ultimi di ricevere accrediti ECM. Il tema che si affronterà è quello dell'accompagnamento spirituale in alcuni casi difficili.

Quando la vita ci pone davanti situazioni che non si possono cambiare, “senza vie d'uscita”, come una malattia inguaribile, una patologia degenerativa o che ha il suo approdo nella morte, ha ancora senso sperare? La speranza nasce nel momento in cui si riesce a dare una risposta di senso alle domande che la sofferenza solleva nel cuore della persona. La cura della dimensione interiore può essere questa risorsa su cui far leva per aiutare la persona malata a dar senso alla sua esistenza ferita nel fisico e nella mente.

Per saperne di più e per l'iscrizione scarica la Broshure
BROCHURELa cura dimensione interiore.pdf
Documento Adobe Acrobat 422.2 KB
Coltivare la ricerca di senso nelle situazioni limite dell'esistenza
Audio intervento
Arioli.m4a.mp4
File audio/video MP4 66.8 MB
Slide Primo incontro.pdf
Documento Adobe Acrobat 3.2 MB
Audio Intervento dot. Bottura
Bottura.m4a.mp4
File audio/video MP4 90.6 MB

Audio Intervento don Tullio
Don Tullio Proserpio.m4a.mp4
File audio/video MP4 68.7 MB
Slide intervento don Tullio
L'accompagnamento spirituale nella cura
Presentazione Microsoft Power Point 3.4 MB

Testo IV incontro
Relazione Cervellera.pdf
Documento Adobe Acrobat 141.7 KB

Percorso formativo per cappellani, volontari e operatori sanitari

RICERCARE IL SENSO NELLA SOFFERENZA

Associazione di Logoterapia e Analisi Esistenziale Frankliana

Coltivare l’amore per la vita e la ricerca di senso nelle situazioni di sofferenza non è facile e nemmeno scontato: richiede lo sforzo di alimentare costantemente – sia in se stessi che negli altri – la disposizione a scorgere le possibilità di significato insite in  ogni circostanza dell’esistenza, anche la più disperata. Non si tratta di negare il vissuto di dolore che accompagna le condizioni-limite quanto, piuttosto, di promuovere uno sguardo capace di intuire, nonostante tutto, un “perché” nella vita. La Logoterapia e Analisi Esistenziale dello psichiatra viennese Viktor E. Frankl – quale testimone della “forza di resistenza dello spirito” nei campi di concentramento – offre una prospettiva di speranza per accompagnare le persone che soffrono nella ricerca di un significato.

 

Il percorso, che si articola in quattro incontri, è totalmente gratuito.

Obbiettivi

 

- comprendere le dimensioni emozionali e di significato insite  nell'esperienza di malattia;

 

- acquisire i principi fondamentali dell'analisi esistenziale frankliana in relazione alle  situazioni di sofferenza;

 

- affinare la capacità di accompagnare le persone che soffrono e i loro familiari nel proprio percorso di riprogettazione esistenziale o nell'elaborazione del limite;

 

- sviluppare nei professionisti l'attitudine ad aver cura di sé e della propria vita emotiva.

 

 

Per saperne di più

Giovedì 16 ottobre 2014

17.00– 17.30

Registrazione dei partecipanti

 

(17.30-19.30)

“Nonostante tutto, dire sì alla vita”: Viktor E. Frankl

(Antonella ARIOLI)

 

Giovedì 20 novembre 2014

(17.30-19.30)

L’esistenza ferita: malattia e ricerca di senso

(Luciana MURRU)

 

Giovedì 11 dicembre 2014

(17.30-19.30)

Accompagnare nelle fasi estreme della vita

(Itala ORLANDO)

 

Giovedì 15 gennaio 2015

(17.30-19.30)

Aver cura di sé per aver cura degli altri

(Daniele BRUZZONE)


Slide Primo Incontro
ARIOLI Cremona Pastorale Salute 2014.pd
Documento Adobe Acrobat 11.2 MB
Trascrizione della relazione non rivista dall'autrice
Arioli 16 ottobre.pdf
Documento Adobe Acrobat 339.0 KB

Slide Secondo Incontro
Murru.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.8 MB
Trascrizione dell'intervento non rivisto dalla relatrice
Murru Luciana.pdf
Documento Adobe Acrobat 298.3 KB

Slide Terzo Incontro
accompagnare_Orlando.ppt.pps
Presentazione Microsoft Power Point 8.3 MB
Trascrizione dell'intervento non rivisto dalla relatrice
relazione itala orlando.pdf
Documento Adobe Acrobat 272.7 KB

Slide Quarto Incontro
Cremona_Cura di sé.ppt.pps
Presentazione Microsoft Power Point 4.2 MB


Dal 22 settembre per la Zona III a Casalmorano

Percorso per "Ministri della Consolazione"

Dal 22 settembre presso la Fondazione "Villa Sacro Cuore Coniugi Preyer" a Casalmorano, inizierà il percorso per la zona 3 per la formazione dei Ministri della Consolazione.

Essi sono laici e laiche che a nome delle proprie comunità si metteranno a disposizione per la visita e l'aiuto agli anziani, ai malati e per il supporto dei loro familiari.

Il percorso si snoda in dieci incontri che si svolgeranno di lunedì alle 21.

Per ogni informazione rivolgersi a don Antonio (cel. 348 780 6412) o Donatella (cel. 339 875 7442), oppure mandare mail a: zonaterza.diocesidicremona@gmail.com

 

Scarica il depliant con tutte le informazioni
bruchure consolazione casalmorano.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.3 MB

Tra abbandono e accanimento terapeutico

Giovedì 12 giugno presso l'Aula Magna della Clinica delle Figlie di San Camillo in collaborazione con la Società Scientifica di Medicina Interna (FADOI) si è tenuto un icontro formativo relativo alle pratiche mediche e la cura dei malati terminali.

Relatore dot. Mario Picozzi.

 

Prima parte
Relazione Picozzi I.mp3
File audio MP3 68.7 MB
Seconda parte
Relazione Picozzi II.mp3
File audio MP3 82.1 MB

Contatti:

Lucini don Maurizio

mail: malu_lm@libero.it

tel. 0372 495011

SchedaLiturgica.pdf
Documento Adobe Acrobat 4.4 MB
SchedaPastorale.pdf
Documento Adobe Acrobat 9.3 MB
Immaginetta con preghiera.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.8 MB