HOME


Lunedì 19 ottobre, 18,30 presso la chiesa dell'Ospedale di Cremona

S. Messa di S. Luca per gli operatori sanitari

Durante la primavera scorsa   abbiamo imparato a conoscere sigle prima sconosciute come COVID, DPI, FP2, Rt ed altre ancora. Abbiamo capito cosa è un tampone, un esame sierologico, un andamento lineare della pandemia ma, soprattutto, abbiamo imparato a convivere spesso con paura ed angoscia con questa domanda: “Mio Dio ma cosa sta succedendo?” 

 Chi da cittadino che quotidianamente veniva investito dai drammatici bollettini sugli sviluppi della pandemia nel nostro territorio e ascoltava con angoscia l’incessante lamento delle sirene delle autolettighe giorno e notte;  chi da famigliare preoccupato per la sorte di un proprio caro malato a casa o totalmente isolato in ospedale o in RSA; chi da operatore sanitario impegnato  ad affrontare spesso con rabbia e sconcerto il comune nemico; e chi da malato che si vedeva sempre più in difficoltà per i sintomi che segnavano la drammaticità della fatica di respirare. Tutti avevamo in cuore quella domanda che dominava ogni momento della giornata e sembrava non trovare risposta. Anzi più ci veniva alla mente e più generava sentimenti di disperazione e smarrimento. Ed ora? Abbiamo trovato una risposta? Non so. Non credo. Forse ci sono tante risposte. Di sicuro questa pandemia ha condotto l’intera umanità ed ognuno di noi singolarmente, a ripensare al proprio modo di vivere, ai propri sogni e ideali e, in ultima analisi, al senso della propria vita.

 Abbiamo sperimentato quanto sia patetico riporre speranze in cose effimere e, per contro, quanto sia entusiasmante e degno di impensabili fatiche vivere e lavorare per qualcosa di grande come lo stare vicini a chi sta male e soffrire assieme a chi si sente perso. Insomma abbiamo sperimentato quella gioia che è data dal vivere un significato grande nella nostra vita attraverso lo stare vicini ad un malato con un sorriso e attraverso una parola non detta a caso perché doveva dare coraggio, o attraverso il testimoniare, da malati anche gravi, la propria fede in colui che davvero salva.

 Con sentimenti di stupore e di gratitudine desideriamo affermare la bellezza di trovarci per ringraziare il Signore delle molteplici testimonianze di vita che abbiamo incontrato in questi difficili mesi anche da parte di chi ci ha lasciati e ribadire il nostro desiderio di vivere in modo più autentico e vero il dono della nostra vita.

 Lo vogliamo fare nel modo migliore per noi cristiani: celebrando l’Eucarestia. Mons. Vescovo Antonio presiederà la S. Messa per tutti gli operatori sanitari, in particolare medici e infermieri, lunedì 19 ottobre, il giorno dopo la memoria di S. Luca patrono dei medici (che quest’anno cade in domenica) alle ore 18.30 presso la cappella dell’Ospedale Maggiore di Cremona.


Accompagnare il lutto e la sfida della fede: corso online in tre lezioni

L'Ufficio diocesano per la Pastorale della salute rilancia l'iniziativa della CEI: partecipazione gratuita, ma è necessaria l'iscrizione

L’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute rilancia anche a livello locale l’iniziativa “Accompagnare il lutto e la sfida della fede” promossa a livello nazionale. Si tratta di un mini percorso sull’elaborazione del lutto organizzato dall’Ufficio nazionale della CEI per la Pastorale della salute.

Questo tempo di emergenza sanitaria ha mostrato immagini drammatiche del distacco dalle persone care decedute a causa del coronavirus. Pur sapendo che la realtà della morte è condizione imprescindibile per l’uomo, a questa non si è mai del tutto pronti e spesso carenti di energie e strumenti per stare accanto a chi vive un lutto. Il breve corso proposto dalla CEI in tre tappe vuole offrire la possibilità di pensare alla morte e al conseguente lutto per individuare strumenti psicologici e spirituali di accompagnamento nell’elaborazione del proprio vissuto umano e di fede.

Sarà possibile seguire gli incontri attraverso Youtube con la possibilità di porre domande scritte attraverso la chat. La partecipazione è gratuita ma è necessario iscriversi.

Di seguito il programma e le modalità di iscrizione:

 

15 maggio 2020 ore 15.00
Definizione del tema e contributo della psicologia 
Massimo Petrini (teologo, geriatra)
Francesca Alfonsi (psicologa)

 



22 maggio 2020 ore 15.00
Le parole che avrei potuto dire e quelle che ho sbagliato a dire
Don Mario Cagna (teologo, cappellano)
Giorgia Gollo (psicologa)
Iscriviti online

 

29 maggio 2020 ore 15.00
La morte nella bibbia e l’approccio pastorale
Don Claudio Doglio (teologo, biblista)
Don Paolo Bonini (teologo, assistente spirituale)
Iscriviti online



Per ulteriori approfondimenti sul tema o informazioni su come diventare accompagnatori nel tempo del lutto o sul corso per facilitatori di gruppi di auto mutuo aiuto (AMA) nell’elaborazione del lutto, è possibile contattare don Maurizio Lucini, incaricato diocesano per la Pastorale della salute.


“Nessuno è solo”, la Diocesi attiva un numero di telefono per il supporto spirituale a distanza per l’emergenza coronavirus

L'iniziativa, coordinata dall'Ufficio per la Pastorale della salute, intende rispondere alle necessità di chi è nella solitudine o non ha contatti con le parrocchie

La Diocesi di Cremona, attraverso l’Ufficio diocesano per la pastorale della salute, si mette a disposizione – attraverso un numero telefonico dedicato – di tutti coloro che nell’emergenza coronavirus sentono la necessità di un sostegno di carattere spirituale.

I consultori di ispirazione cattolica presenti in diocesi (a Caravaggio, Cremona e Viadana) già hanno attivato un sostegno psicologico, telefonico o online, per gli operatori sanitari. Analoga iniziativa ora viene attivata per un supporto, sempre a distanza, di carattere spirituale.

«Si è pensato di realizzare – spiega don Maurizio Lucini, incaricato diocesano per la Pastrale della salute – un sostegno spirituale a distanza per coloro che in questo contesto complicato e drammatico sono spiazzati, provocati e distrutti da quello che sta succedendo e quindi hanno un maggior bisogno di consolazione, ma anche di un aiuto per ricercare un senso e un significato o semplicemente chiedono un confronto nella fede».

L’attenzione è rivolta a tutti coloro che si trovano ricoverati o in quarantena perché hanno contratto il virus, le loro famiglie, i sanitari e quanti si sono visti strappare un proprio caro. «Molte persone certo possono contare sui sacerdoti della propria parrocchia come riferimento sicuro, ma siamo coscienti e consapevoli che per molti altri non è così e nella solitudine non sanno a chi rivolgersi e a chi porre domande più attinenti alla dimensione spirituale, oppure semplicemente hanno bisogno di esternare il proprio dolore».

Per questi motivi è stato attivato il numero 375-6158547. Sarà attivo da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Risponderà una persona incaricata che raccoglierà i dati e li trasmetterà a un sacerdote che contatterà la persona bisognosa di aiuto e di ascolto.

 


Percorso formativo per operatori sanitari, volontari e assistenti spirituali

La cura di sè per meglio curare

DA SETTEMBRE PRESSO L'AULA MAGNA DELL'OSPEDALE MAGGIORE DI CREMONA

Medice cura te ipsum, medico cura te stesso, la frase latina, che apre il titolo di questo nuovo percorso, è ripresa dal vangelo di Luca e la citerebbe Gesù interpretando il pensiero dei giudei diffidenti che lo ascoltavano. Era un proverbio usato comunemente per dire: prima di voler insegnare qualcosa agli altri e di correggere i loro difetti dimostraci che tu hai eliminati i tuoi.

Nel nostro contesto invece assume un altro significato ovvero se vogliamo curare gli altri prima dobbiamo prenderci cura di noi stessi. Così leggiamo in un passaggio della Carta di Ottawa (1986): La salute viene creata e vissuta dagli individui nella sfera della loro quotidianità, là dove si gioca, si impara, si lavora, si ama. La salute nasce dalla cura di se stessi e degli altri, dalla possibilità di prendere decisioni autonome e di poter controllare la propria condizione di vita, come pure dal fatto che la società in cui si vive consenta di creare le condizioni necessarie a garantire la salute a tutti i suoi cittadini.

 Clicca sull'immagine per ingrandirla

Il percorso ha l’ardire di farci prendere contatto con noi stessi, soprattutto con la nostra dimensione emotiva e spirituale, per sapersi conoscere, sapersi accettare e quindi sapersi relazionare con l'altro con maggiore comprensione e umanità.

Il percorso è gratuito

 

Download
BrochureMEDICE.pdf
Documento Adobe Acrobat 439.1 KB
Download
Audio primo incontro
dt.sa Claudia.m4a
File audio/video MP4 54.1 MB
Download
conosci te stesso 26-09-2019.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 9.8 MB

Download
Audio secondo incontro
pLuciano Sandrin.m4a
File audio/video MP4 84.0 MB
Download
PRENDITI CURA DI TE - CREMONA ottobre 20
Presentazione Microsoft Power Point 3.8 MB

Download
Audio terzo incontro
Petruzzi.m4a
File audio/video MP4 83.7 MB
Download
Mi prendo cura di te.pdf
Documento Adobe Acrobat 4.6 MB

Download
IL DIALOGO CHE CURA.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 35.5 MB


Se vuoi costruire un futuro più felice parti da te stesso, impara a riconoscere e a gestire le emozioni.

TU CHIAMALE EMOZIONI!

Sabato 5 ottobre Convegno Oglio Po

Ogni essere umano ha bisogno di guarigione interiore. Tutti noi, infatti, abbiamo delle ferite, spesso nascoste e impercettibili, che influenzano negativamente il nostro carattere, il nostro comportamento, le nostre vite. Queste ferite ci impediscono di: ottenere l’integrità emotiva, cioè vivere una vita affettiva equilibrata e delle relazioni sane.
Non sapendo come gestirli, li reprimiamo. È un meccanismo di difesa. Tuttavia, influenzano i nostri atteggiamenti, le nostre decisioni e le nostre relazioni.
Molte volte cerchiamo di controllare quei ricordi dolorosi, ma non sepre ci riusciamo e finiscono per prendere le redini della nostra volontà. Le conseguenze sono disastrose ed ecco sbalzi di umore, crisi depressive,….
Le conseguenze sono facili da riconoscere: molte persone vivono costantemente nel dolore e nell’angoscia, altri si disperano per qualsiasi cosa, altri ancora sono pessimisti, timidi, paurosi, insicuri, instabili, inquieti,agitati e insoddisfatti.

Per guarire occorre riconoscere le nostre ferite ed accettarle.

Il convegno, organizzato dalla cappellania ospedaliera S. Giovanni dell'Oglio Po, è aperto a tutte le figure sanitarie, volontari e assistenti spirituali.

Clicca sull'immagine per ingrandirla


Percorso formativo per operatori sanitari, volontari e assistenti spirituali

colmare il vuoto del dolore con l'amore

DA OTTOBRE PRESSO L'AULA MAGNA DELL'OSPEDALE MAGGIORE DI CREMONA

E’ comprovato che il benessere degli operatori e la consapevolezza delle emozioni che si provano siano fattori in grado di ridurre lo stress ed aumentare l’efficacia del loro intervento.
Per questo è importante sostenere i professionisti impegnati con pazienti ad elevato carico emotivo in un percorso di cura di sé e di gestione delle proprie  emozioni per rendere possibile la continuità della relazione d’aiuto.
Si tratta oggi di sperimentare e di capire un’altra prospettiva: essere centrato su di sé e nel contempo aperto agli altri; sviluppare resilienza e relazione d’aiuto.

 

Il percorso è gratuito

 

Clicca sull'immagine per ingrandire

Download
Per iscrizione
Brochure percorso ospedale.pdf
Documento Adobe Acrobat 337.4 KB
Download
Audio primo incontro
semeraro.m4a
exe File 87.3 MB

Download
Audio secondo incontro
arrigoni.m4a
File audio/video MP4 72.9 MB
Download
Slide Arrigoni.pdf
Documento Adobe Acrobat 6.8 MB

Download
slide terzo incontro
Relazione d'aiuto.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 94.1 MB
Download
Audio Dvide Boniforti
davide.m4a
File audio/video MP4 83.1 MB


Il testo dei Vescovi lombardi rivolto a tutti i fedeli in occasione della XXVI Giornata mondiale del malato che si celebra l'11 febbraio

In occasione della XXVI Giornata mondiale del malato, che si celebra domenica 11 febbraio, i Vescovi delle Diocesi della Lombardia rivolgono a tutti i fedeli un messaggio sull’impegno della comunità cristiana nei confronti di tutti coloro che hanno bisogno di cura. Le intenzioni prioritarie sono rivolte ad apprezzare gli enti di ispirazione cristiana che si occupano della cura dei malati, incoraggiandoli a essere fedeli alla loro vocazione; richiamare l’attenzione di tutta la comunità cristiana verso coloro che hanno bisogno di cura e verso gli enti che se ne curano; incoraggiare il volontariato a servizio dei malati e di tutti i bisognosi; incoraggiare la beneficenza come sostegno economico per gli enti che assicurano ai poveri le cure di cui hanno bisogno.

Download
Messaggio Cel.pdf
Documento Adobe Acrobat 334.0 KB

PERCORSO FORMATIVO PER OPERATORI SANITARI, VOLONTARI E ASSISTENTI SPIRITUALI

VICINO AL SOFFERENTE CON UMANITA' E COMPETENZA

DA OTTOBRE PRESSO L'AULA MAGNA DELL'OSPEDALE MAGGIORE DI CREMONA

Clicca sull'immagine per ingrandirla
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Alla base di un rapporto fiduciario tra operatore, paziente e familiari e per una umanizzazione della cura negli ambienti sanitari è richiesta sempre più una relazione intensa, calda e vera. Prendendo a prestito dall’ambito psicanalitico il concetto di “alleanza terapeutica” e grazie alla definizione che ne ha data la psicologa e psicoterapeuta Bordin possiamo individuare tre passi affinché si realizzi una relazione di cura:

(1) l’esplicita condivisione di obiettivi da parte di paziente e terapeuta;

(2) la chiara definizione di compiti reciproci all’inizio del trattamento;

(3) il tipo di legame affettivo che si costituisce fra i due, caratterizzato da fiducia e rispetto.

 

Pertanto per una relazione più efficiente, da perfezionare e sviluppare personalmente di giorno in giorno, di rapporto in rapporto, si vorrebbero offrire strumenti e obiettivi generali tra i quali: migliorare la comunicazione e la relazione trapaziente, familiari e operatore sanitario e saper gestire alcuni momenti critici nel percorso della malattia.


 

Il percorso è gratuito

Download
Brochure.pdf
Documento Adobe Acrobat 363.7 KB

Download
Audio primo incontro
Guarinelli.3gp
File audio/video MP4 29.9 MB
Download
Guarinelli ASST Cremona 05102017 present
Presentazione Microsoft Power Point 115.6 KB


Download
Audio secondo incontro
Zaninetta.3gp
exe File 36.0 MB
Download
zaninetta comunicazione della verita CR
Presentazione Microsoft Power Point 158.6 KB


Download
Audio terzo incontro
Malaika.3gp
exe File 26.8 MB
Download
speranza malato .pptx
Presentazione Microsoft Power Point 4.9 MB


Download
Audio quarto incontro
Gabriele.3gp
exe File 17.3 MB
Download
Relazione nel fine vita.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 3.0 MB


PERCORSO FORMATIVO PER OPERATORI SANITARI, VOLONTARI E ASSISTENTI SPIRITUALI

UMANIZZAZIONE DEL SERVIZIO AL MALATO

DA OTTOBRE PRESSO L'AULA MAGNA DELL'OSPEDALE MAGGIORE DI CREMONA

Continuano i percorsi di formazione, con il patrocinio dell’ospedale di Cremona e il prezioso supporto dell’Ufficio della formazione, per i volontari che si accostano ai malati, i cappellani, i religiosi/e e per tutti gli operatori sanitari, con la possibilità per questi ultimi di ricevere accrediti ECM.

 

Il tema che si affronterà, realizzato e condotto dal Centro Camilliano di Formazione di Verona,  è quello dell'umanizzazione della cura.

 

In Il tema dell’umanizzazione del servizio al malato è stato inserito per la prima volta nel Patto per la salute 2014-2016 dal Ministero della Salute e da AGENAS, l’ente per la formazione degli Operatori, dove si afferma che “nel rispetto della centralità della persona nella sua interezza fisica, psicologica e sociale, le Regioni e le Province Autonome si impegnano ad attuare interventi di umanizzazione in ambito sanitario che coinvolgano aspetti strutturali, organizzativi e relazionali dell’assistenza”.

 

Obiettivo

Il percorso formativo offre ai partecipanti l’opportunità di familiarizzarsi con la complessa tematica dell’umanizzazione del mondo della salute, di acquisire e di identificare modalità concrete di coinvolgimento in progetti finalizzati a rendere più umano il servizio all’ammalato.

 

Per iscrizioni è sufficiente compilare la broshure qui allegata e trasmetterla all'Uff. Formazione dell'Ospedale seguendo le indicazioni presenti nella stessa broshure.

Download
Brochure_umanizzazione.pdf
Documento Adobe Acrobat 694.2 KB

Download
Side primo incontro
Umanizzazione CR.ppt
Presentazione Microsoft Power Point 10.8 MB
Download
Audio
brusco10.3gp
File audio/video MP4 31.9 MB


Download
Slide secondo incontro
curare e prendersi cura cremona.ppt
Presentazione Microsoft Power Point 9.5 MB
Download
Malaika Rabolati.m4a
File audio/video MP4 68.3 MB


Download
Slide terzo incontro
La relazione operatore paziente.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 12.2 MB
Download
Gostmir.m4a
File audio/video MP4 66.3 MB


Download
slide quarto incontro
Spiritualità CR.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 9.0 MB
Download
Brusco.m4a
File audio/video MP4 73.6 MB


CORSO BASE PER VOLONTARI PRESSO MALATI TERMINALI

 8 - 15 - 22 APRILE / 8 MAGGIO

“Vicino al morente. Dal curare al prendersi cura” è il titolo del corso base che prevede quattro incontri con diversi relatori che si svolgeranno presso la sala dell’oratorio di Sospiro. Il percorso si pone l’obiettivo di sviluppare nei volontari sensibilità e competenze utili per l’accompagnamento del malato, ma anche per il sostegno psicologico dei loro familiari.

Ad aprire gli incontri, venerdì 8 aprile, sarà don Maurizio Lucini, Responsabile dell’ufficio di Pastorale della Salute, che introdurrà il tema della vicinanza alla sofferenza e alla morte, rileggendo l’esperienza della malattia alla luce della fede cristiana.

Sarà poi la volta di Lino Miglioli, responsabile dei volontari dell’Hospice – struttura che da anni si occupa dell’assistenza e cure palliative al malato terminale –  che venerdì 15 aprile tratterà del rapporto con i familiari del morente, in un incontro dal titolo “Accanto al morente e ai suoi familiari: le parole da non dire”.

“La dimensione psicologica relazionale” sarà invece il tema di cui si occuperà la psicoterapeuta Arianna Lima nel terzo incontro di venerdì 22 aprile.

Infine venerdì 8 maggio don Lucini chiuderà il corso, approfondendo il tema dell’accompagnamento spirituale, per riflettere sulla questione della fede vissuta nel difficile momento del dolore fisico che spesso genera anche sofferenza spirituale.

Tutti gli incontri si svolgeranno a partire dalle ore 20.45. Il corso è gratuito ed è richiesta l’iscrizione.


Download
Slide primo incontro
percorso Sospiro malattia morte e speran
Presentazione Microsoft Power Point 2.3 MB
Download
Slide quarto incontro
L'accompagnamento spirituale del morente
Presentazione Microsoft Power Point 136.7 KB


Download
Slide terzo incontro
La dimensione psico relazionale.pptx
Presentazione Microsoft Power Point 11.6 MB

Download
Scarica la locandina
corso volontari accanto malati terminali
Documento Adobe Acrobat 177.9 KB

PERCORSO FORMATIVO PER CAPPELLANI, VOLONTARI E OPERATORI SANITARI

 LA CURA DELLA DIMENSIONE INTERIORE: UNA RISORSA NEI CASI PIU' DIFFICILI

 DA OTTOBRE PRESSO L'AULA MAGNA DELL' OSPEDALE MAGGIORE DI CREMONA

 

Continua la collaborazione avviata l'anno scorso con l’ospedale e in particolare con l’Ufficio della formazione, proponendo un ciclo di incontri per: i volontari che si accostano ai malati, i cappellani, i religiosi/e e per tutti gli operatori sanitari, con la possibilità per questi ultimi di ricevere accrediti ECM. Il tema che si affronterà è quello dell'accompagnamento spirituale in alcuni casi difficili.

Quando la vita ci pone davanti situazioni che non si possono cambiare, “senza vie d'uscita”, come una malattia inguaribile, una patologia degenerativa o che ha il suo approdo nella morte, ha ancora senso sperare? La speranza nasce nel momento in cui si riesce a dare una risposta di senso alle domande che la sofferenza solleva nel cuore della persona. La cura della dimensione interiore può essere questa risorsa su cui far leva per aiutare la persona malata a dar senso alla sua esistenza ferita nel fisico e nella mente.

Download
Per saperne di più e per l'iscrizione scarica la Broshure
BROCHURELa cura dimensione interiore.pdf
Documento Adobe Acrobat 422.2 KB

Download
Coltivare la ricerca di senso nelle situazioni limite dell'esistenza
Audio intervento
Arioli.m4a.mp4
File audio/video MP4 66.8 MB
Download
Slide Primo incontro.pdf
Documento Adobe Acrobat 3.2 MB

Download
Audio Intervento dot. Bottura
Bottura.m4a.mp4
File audio/video MP4 90.6 MB


Download
Audio Intervento don Tullio
Don Tullio Proserpio.m4a.mp4
File audio/video MP4 68.7 MB
Download
Slide intervento don Tullio
L'accompagnamento spirituale nella cura
Presentazione Microsoft Power Point 3.4 MB


Download
Testo IV incontro
Relazione Cervellera.pdf
Documento Adobe Acrobat 141.7 KB


PERCORSO FORMATIVO PER CAPPELLANI, VOLONTARI E OPERATORI SANITARI

 RICERCARE IL SENSO DELLA SOFFERENZA

ASSOCIAZIONE DI LOGOTERAPIA E ANALISI ESISTENZIALE FRANKLIANA

Coltivare l’amore per la vita e la ricerca di senso nelle situazioni di sofferenza non è facile e nemmeno scontato: richiede lo sforzo di alimentare costantemente – sia in se stessi che negli altri – la disposizione a scorgere le possibilità di significato insite in  ogni circostanza dell’esistenza, anche la più disperata. Non si tratta di negare il vissuto di dolore che accompagna le condizioni-limite quanto, piuttosto, di promuovere uno sguardo capace di intuire, nonostante tutto, un “perché” nella vita. La Logoterapia e Analisi Esistenziale dello psichiatra viennese Viktor E. Frankl – quale testimone della “forza di resistenza dello spirito” nei campi di concentramento – offre una prospettiva di speranza per accompagnare le persone che soffrono nella ricerca di un significato.

 

Il percorso, che si articola in quattro incontri, è totalmente gratuito.

Obbiettivi

 

- comprendere le dimensioni emozionali e di significato insite  nell'esperienza di malattia;

 

- acquisire i principi fondamentali dell'analisi esistenziale frankliana in relazione alle  situazioni di sofferenza;

 

- affinare la capacità di accompagnare le persone che soffrono e i loro familiari nel proprio percorso di riprogettazione esistenziale o nell'elaborazione del limite;

 

- sviluppare nei professionisti l'attitudine ad aver cura di sé e della propria vita emotiva.

 

 

Per saperne di più

Giovedì 16 ottobre 2014

17.00– 17.30

Registrazione dei partecipanti

 

(17.30-19.30)

“Nonostante tutto, dire sì alla vita”: Viktor E. Frankl

(Antonella ARIOLI)

 

Giovedì 20 novembre 2014

(17.30-19.30)

L’esistenza ferita: malattia e ricerca di senso

(Luciana MURRU)

 

Giovedì 11 dicembre 2014

(17.30-19.30)

Accompagnare nelle fasi estreme della vita

(Itala ORLANDO)

 

Giovedì 15 gennaio 2015

(17.30-19.30)

Aver cura di sé per aver cura degli altri

(Daniele BRUZZONE)



Download
Slide Primo Incontro
ARIOLI Cremona Pastorale Salute 2014.pd
Documento Adobe Acrobat 11.2 MB
Download
Trascrizione della relazione non rivista dall'autrice
Arioli 16 ottobre.pdf
Documento Adobe Acrobat 339.0 KB


Download
Slide Secondo Incontro
Murru.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.8 MB
Download
Trascrizione dell'intervento non rivisto dalla relatrice
Murru Luciana.pdf
Documento Adobe Acrobat 298.3 KB


Download
Slide Terzo Incontro
accompagnare_Orlando.ppt.pps
Presentazione Microsoft Power Point 8.3 MB
Download
Trascrizione dell'intervento non rivisto dalla relatrice
relazione itala orlando.pdf
Documento Adobe Acrobat 272.7 KB


Download
Slide Quarto Incontro
Cremona_Cura di sé.ppt.pps
Presentazione Microsoft Power Point 4.2 MB